“Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito”, eh la saggezza popolare, grande cosa! Proprio questo adagio popolare mi viene in mente quando vedo in tutto il panorama televisivo italiota o leggo sui giornalini nostrani (quasi tutti tali, purtroppo!), sia da destra che da manca, accuse a gogò ai deputati e senatori del movimento 5 stelle di essere “incoerenti”, “uguali agli altri”, “non si tagliano lo stipendio esattamente come avevano detto che avrebbero fatto” e così via dicendo. Bene, ma a questo punto la domanda sorge spontanea: ma tutti questi benpensanti, dai “politici” ai cosiddetti giornalistucoli servi dei primi, che hanno fatto fino ad oggi incluso? Si sono forse tagliati gli stipendi da favola che hanno ricevuto da decenni? Sono stati forse coerenti con quanto promesso in campagne elettorali estenuanti ed infinite? Si sono forse distinti per equità, competenza, onesta? Da quale pulpito viene la predica? Ci si vuole coprire con gente che è entrata nell’agone politico da due mesi, gettando polvere negli occhi con accuse che sono penose in partenza. Negli ultimi 30 o 40 anni che fulgido esempio sono stati tutti costoro per questo piccolo Paese? La cosa sconcertante è che continuano a buttare fumo negli occhi della gente e che quest’ultima, gli elettori, quelli che hanno continuato a mandarceli in Parlamento, continua a seguire come ipnotizzata dal pifferaio di Hamelin tutte le banalità che le vengono propinate, apparentemente senza pensare, senza mettere in dubbio, senza farsi venire in mente la possibilità di rompere il mantra che le viene versato nel cervello da chi ha tutto l’interesse a far sì che si butti giù dalla rupe, proprio come i topi della favola. E, come in quest’ultima, la fine dei loro figli sembra tragicamente essere destinata ad essere la stessa.
Print Friendly, PDF & Email
Nemulisse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Theme: Overlay by Kaira
Everybody lies